Venerdì, 15 Aprile 2016 15:38

I doni del silenzio

La poesia è dono, per chi scrive e per chi legge. Il silenzio, non come stato fisico, bensì disposizione d’animo che riflette i moti profondi del nostro essere, è condizione indispensabile dell’atto poetico. A pieno diritto questa raccolta di venti liriche, tratte dal racconto poetico “Riflessioni” di Gilberto Antonioli rientra in tali coordinate. Un flusso creativo quello dell’autore che, metaforicamente, può definirsi come un fiume in piena per la ricchezza lessicale e il ritmo incalzante, talvolta ipnotico, del verso.

Scorrendone la biografia, Antonioli rivela molteplici interessi e ciò fa capire quale bagaglio egli porti con sé, ma tutto ciò non sarebbe sufficiente a far sgorgare la poesia se non fosse presente quella “predisposizione” che resta motivo inspiegabile di ogni forma di creatività. Dopo di che il “mestiere” completa l’opera. “Non avevo raccolto il groviglio del cielo/con le ultime nubi discese ad oriente/non avevo incontrato sul profilo del monte/bocciòli di neve oscurati dal sole/soltanto la musica aveva intrecciato/il canto del vento nell’ascesa ad oriente”. Fra i molti “svelamenti” della poesia, in questi versi prevale il “sentimento della natura” in cui soggetto e oggetto coincidono. Si tratta di una delle molteplici “tonalità” di questa raccolta, dove l’esperienza di vita maturata dal poeta non offusca (come potrebbe altrimenti essere poeta?) quello stupore che, nonostante tutto, si ripresenta innanzi la bellezza e il mistero del mondo: “Uccelli vaganti/le forme del cielo/e nuvole e spruzzi/e scogliere di luce”. E se talvolta fa capolino il rimpianto, una fra le più potenti “Signore” della poesia, l’autore non si lascia sedurre dal suo insidioso fascino e pronuncia: “Chi la vita non ama come può generare?”. Nondimeno la poetica di Gilberto Antonioli racchiude un significativo valore ermeneutico per chi si avvicina alla poesia e dal quale si possono trarre preziosi insegnamenti.

Andrea Vollman su "I doni del silenzio" di Gilberto Antonioli.

Letto 735 volte
Altro in questa categoria: « La sussurante cisterna

Centro Culturale S. Antonio delle Fontanelle ~ Contrà Busa, 4 ~ 36062 Fontanelle di Conco ~ Tel: +39 0424 427098
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ~ admin ~ login ~ mappa del sito ~ privacy policy